Intorno a casa

Fiori di robinia o acacia

Pianta di robinia coi fiori

Adesso è il momento. Fiorisce questa pianta bellissima che è ovunque e fa fiori bianchi a grappolo commestibili e profumatissimi. Si chiama robinia ma viene anche chiamata acacia e colora di macchie bianche le colline, in questa stagione, con il sambuco, altra pianta interessante dal fiore commestibile.

I fiori di robinia sono usati soprattutto per essere fritti in pastella e per fare frittelle dolci.
Io non friggo mai e neppure mangio zucchero da anni, punto sempre su ricette salate, semplici e leggere. Ne trovate alcune con la robinia anche nel nuovo i-book che ho preparato per gli iscritti alla newsletter (la prossima il 4 maggio, ci si iscrive qui).
Si possono semplicemente mettere i fiorellini singoli tolti dal gambo nelle insalate a crudo, o si possono aggiungere alle minestre a fine cottura per un aroma originale. Si possono leggermente appassire in padella aggiungendoli ad altre verdure spadellate per accompagnare pasta o cereali.
Il profumo è forte ma il gusto è delicato. Si possono aggiungere ad un pesto di asparagi crudi (non ci avevate pensato, eh?).
I fiori di acacia si utilizzano anche secchi, per le tisane.
La primavera è generosissima ma veloce. Non si riesce a star dietro a tutte le erbe che crescono e in un attimo già sono andate a seme. Si cerca quindi di conservare un po’ di questa abbondanza, se si può, per le altre stagioni.

Fiori di robinia

Il vero nome di questa pianta di cui è piena la pianura padana è Robinia Pseudoacacia. Raggiunge altezze notevoli e ha degli spini grossi sui rami. È commestibile solo il fiore, non le foglie o il fusto.
Ha proprietà fitoterapiche, soprattutto per problemi di stomaco ed esofago.
Proprietà emolienti, rilassanti, antisettiche e antinfiammatorie.
Contiene minerali (calcio, fosforo, ferro, magnesio, sodio, potassio, zinco), vitamine (A, B1, B2, B3), oli essenziali, proteine (uh ma sono ovunque queste proteine!), fibre, carboidrati.

 

 


Ho disattivato i commenti ma se vi va scrivetemi! Ho il vizio di rispondere.
In e-mail o nella nuova pagina facebook.
Poi c’è la mia newsletter, la mando il 4 di ogni mese, ci si iscrive QUI e ci si disiscrive quando si vuole. In regalo il mio i-book “Le mie 30 ricette preferite con le erbe spontanee”.

castelli bergamaschi

Il castello di Malpaga a Pasquetta

Sono stata a Malpaga, a Pasquetta. Un salto veloce per vedere il castello e comprare gli asparagi. C’era il mercatino dei produttori agricoli, e poi giochi per i bambini e una marea di gente che era lì per fare…

Piatti unici

Polpette di miglio con piantaggine e pomodori secchi

Questo periodo dell’anno mi piace tantissimo. Ci sono tutte queste erbe da raccogliere. La piantaggine è un’erba che raccolgo sempre e mangio sia cruda che cotta. La si trova ovunque soprattutto di due tipi, lanceolata e major. Questa che…

Intorno a casa

Ortica

Sapevate che l’ortica contiene tutti gli aminoacidi essenziali? Io no. Se siete vegani potete tenerla come risposta per quando vi chiedono dove prendete le proteine! L’ho imparato l’altra sera guardando in youtube una trasmissione sulle erbe spontanee che hanno…

Intorno a casa

Galium aparine

Ho imparato una nuova erba spontanea! Il Galium Aparine. Buona da mangiare, interessante da fermentare e facilissima da trovare (perlomeno dove vado io in bici ce n’è davvero tanta). Adesso è il momento migliore perchè sta per fiorire.  …

le belle aziende del futuro

Via del campo cooperativa agricola

Ieri mattina sono andata a conoscere un’azienda agricola biologica sul lago d’Iseo, a Solto Collina. Il posto è bellissimo, con un panorama mozzafiato sul lago e su corna Trenta Passi. Una vecchia cascina, un grande pratone immerso nel verde…

le belle aziende del futuro

Azienda agricola Bagaggera

Sono stata a conoscere un’azienda agricola biologica in Brianza, l’Azienda Agricola Bagaggera. Vicino a Merate, nel parco regionale di Montevecchia, produce formaggi di capra, salumi, pane e altri prodotti da forno. E fa attività sociale. Nonostante a gennaio la…

Altre cose varie

Gomasio coi semi di lino

Il gomasio è un classico della macrobiotica. Un condimento semplicissimo a base di semi di sesamo e sale. Lo vendono già pronto in qualunque negozio di cibi naturali, ma lo si fa in casa in un attimo. Farselo da…

Pane, crackers e altro

Farinata al profumo d’arancia

La farinata, ma quanto è buona? Sono quelle cose semplici, vegan senza dirlo forte; le cose antiche, povere e sane della nostra tradizione. Farinata in liguria e cecina in toscana. Di farina di ceci. Forse si potrebbe provare anche…