Stuzzichi e pane

Farinata al profumo d’arancia

La farinata, ma quanto è buona?
Sono quelle cose semplici, vegan senza dirlo forte; le cose antiche, povere e sane della nostra tradizione.
Farinata in liguria e cecina in toscana. Di farina di ceci. Forse si potrebbe provare anche ad usare altri legumi ma la farinata è di ceci. Legume prezioso, usatissimo in tutta l’area mediterranea, ricco di qualità nutritive.

La farinata prima di essere infornata

L’ho fatta semplice. Con abbondante polvere d’arancia (la buccia d’arancia che faccio seccare io).
Di solito in primavera la faccio con gli asparagi, coi cipollotti o coi piselli freschi. La farinata coi piselli è stato uno degli ultimi post del vecchio blog.

La farinata appena sfornata

Con queste dosi ci vuole una teglia di ferro col diametro di 28 cm.
Non va usata carta forno. Essendo parecchio unta la si stacca facilmente con una paletta di legno, anche se una volta mi sono dimenticata di mettere l’olio e sono riuscita a staccarla lo stesso ed era perfino buona!
Va lasciata a riposare una notte o comunque parecchie ore, anche se io una volta l’ho fatta dopo solo mezz’ora di ammollo ed era buona lo stesso.
Secondo me va mangiata calda, subito.
Non la si può congelare, dicono che diventi spugnosa e immangiabile.
Tutto si basa sulla qualità della materia prima: olio extra vergine d’oliva buono, farina di ceci biologica artigianale, acqua non calcarea e priva di cloro.
Nel caso non si fosse notato, è senza glutine.

Farinata di ceci al profumo d'arancia

150 g di farina di ceci
300 ml di acqua
una presa di sale integrale (io ne metto poco)
abbondante polvere d’arancia

Si mischia la farina con l’acqua, per non fare grumi basta frullare un attimo con le fruste elettriche.
Poi si aggiunge il sale e la polvere d’arancia e si mischia. Si lascia a riposare parecchie ore come si è comodi (io l’ho messa a mollo la sera per cuocerla il giorno dopo a pranzo).
Si unge abbondantemente la teglia, si versa il composto (dopo aver dato una mescolata veloce) e si cuoce per 30-40 minuti a 150 gradi.

salse e pesto

Pesto di aglio orsino

Sono stata a vedere se c’era già l’aglio orsino, ieri. Nel bosco a Brusaporto. Mi sono fermata in bici. Ce n’era tantissimo già grandino quindi l’ho raccolto e ho fatto il pesto. Ogni stagione riempio il freezer di vasetti…

Stuzzichi e pane

Paratha semintegrale

Ho fatto le paratha, che sono un pane indiano simile alle piadine. Le avevo fatte qui nel vecchio blog, farcite con le patate, questa volta le ho fatte semplici. La particolarità è che si fa un rotolino, lo si…

Lago d'Iseo

Montisola in inverno

Ieri ho fatto un giro a Montisola, ho preso il battello a Sulzano, sono andata a Peschiera, ho fatto un giro a piedi e son tornata. C’era questo profumo di primavera, un caldo quasi eccessivo e l’acqua mi rilassa.…

castelli bergamaschi

Il castello di Costa di Mezzate

Qui c’è pieno di castelli, lo sapevate? In pianura, soprattutto, ma anche nelle valli, la bergamasca è piena di castelli. Castelli medievali spesso davvero belli, completi, conservati e vivi, come quello di Bianzano in Valcavallina dove ogni anno ad…

Primi

Tagliatelle cacao e avena con crema di avocado

Tagliatelle all’uovo, col cacao. Ma quante volte le ho fatte negli ultimi anni? Ho fatto anche i ravioli, questi. Ma ogni volta c’è qualcosa di nuovo. Questa volta ho usato una farina molto particolare, una tipo 2 di granno…

salse e pesto

Patè di alghe wakame e anacardi

A voi piacciono le alghe? A me non tanto. Anche se so che fanno molto bene e se cucinate nel modo giusto possono essere anche molto buone. Però le compro e me le dimentico per anni. Avevo un sacchetto…