castelli bergamaschi

Il castello di Malpaga a Pasquetta

Sono stata a Malpaga, a Pasquetta. Un salto veloce per vedere il castello e comprare gli asparagi.
C’era il mercatino dei produttori agricoli, e poi giochi per i bambini e una marea di gente che era lì per fare il pic nic, ma proprio una marea di gente nonostante fosse nuvoloso.
Gli asparagi sono di una azienda agricola bio molto famosa, di Treviglio, la Castel Cerreto, dove vorrei andare prossimamente.

Malpaga è vicinissimo a casa mia, ed è, forse, tra tutti i castelli della bergamasca, il più famoso.
Aperto al pubblico per visite guidate sabato e domenica, vengono organizzati eventi interessanti anche in costume, per esempio il prossimo è il 28 e 29 aprile, con gare di arceria e artigianato medievale.

Il borgo di Malpaga è rimasto autentico, in mezzo alla pianura, in un’area verde agricola molto ampia.
Sono le case intorno al castello, la chiesa e il castello che era, nel 1400, la dimora di Bartolomeo Colleoni, capitano generale dell’esercito della repubblica di Venezia, e quindi luogo importante, quasi una vera e propria reggia.
Ha tutte le caratteristiche del castello medievale: le torri, i merli, il fossato. Tanti affreschi.
Un bel posto dove andare.
Un classico delle gite scolastiche.
Ma lo si può visitare anche singolarmente con visita guidata da marzo a novembre (info nel sito).
E lo si può anche utilizzare per matrimoni, eventi aziendali. Vengono organizzate cene medievali, corsi di cucina, c’è la Locanda dei nobili viaggiatori dove si può mangiare e dormire.
Malpaga ha mantenuto la propria vocazione agricola, nei campi circostanti coltiva mais e altri cereali bio. L’azienda vende biopellet, farina di mais e miele.
Il borgo di Malpaga è indipendente dal punto di vista energetico grazie alle centrali a biogas e biomasse.

Un bell’esempio di come si possano unire al recupero di un borgo storico cultura e turismo di qualità, agricoltura innovativa, energie rinnovabili. Trovate i particolari di queste attività nel sito Per Malpaga.

Informazioni sul Castello invece le trovate nel sito Castello di Malpaga e nella pagina facebook.


Ho disattivato i commenti ma mi potete contattare quando volete in e-mail.
E poi c’è la mia newsletter, la mando il 4 di ogni mese e racconto sempre qualcosa di me, oltre a ricordare i post che ho scritto, ci si iscrive QUI e ci si disiscrive quando si vuole.

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply