Verdure

Chips di cavolo nero

Vi avevo avvertito che faccio solo cose semplici! Le chips di cavolo nero sono buonissime e semplicissime.
Adesso è stagione di cavolo nero, lo prendo direttamente dal produttore, a Scanzo. Si può usare secondo me anche la verza ma non ho provato. Ho provato invece con la salvia selvatica, buone!
Ho tolto dalle foglie del cavolo nero la costa grossa centrale, che si può usare per altro (sugo per la pasta, minestrone). Ho tagliato le foglie a pezzetti e messo in un unico strato su carta forno sulla placca del forno e anche sulla griglia (riempiendo il più possibile). Ho sciolto in una ciotolina una presa di sale nell’olio. Ho provato sia olio e.v. d’oliva che di sesamo, forse le preferisco con l’olio di sesamo. Si possono anche aggiungere spezie varie: pepe, curry. L’emulsione di olio va pennellata sulle foglie senza esagerare, io uso le dita.
Ho messo in forno a 100 gradi per 20 minuti circa. Diventano croccantissime!
Si possono anche fare crudiste mettendole in forno a 40 gradi o nell’essicatore che io non ho, proverò la prossima volta visto che ormai m’è venuta la mania delle chips.

C’È ANCHE IL PDF STAMPABILE E SCARICABILE!

Chips di cavolo nero

Chips di cavolo nero


Chips di salvia selvatica

Chips di salvia selvatica


cavolo nero

Le chips pronte per essere infornate

A proposito di crudismo, lunedì sera sono stata in un posto molto famoso a Milano, unico forse nel suo genere, che mi incuriosiva da tempo, il Mantra Raw Vegan.
Mi è piaciuto tantissimo.
Ho mangiato dei tortelli di cocco che erano buonissimi e bellissimi. E un’insalata particolare.
Mi piacerebbe tanto imparare la cucina crudista, trovo che sia una cucina davvero d’avanguardia, la cucina del futuro. Vegetale, salutare, bella. E’ davvero affascinante quello che si riesce a fare senza cottura, non ci si rende conto fino a quando non si assaggia.
È la prima volta che mangio qualcosa di crudo che non sia la mia solita frutta e verdura quotidiana. Non ho mai neppure acquistato l’aggeggino per fare gli spaghetti di zucchine così usuale tra i vegan crudisti!
Seguo su facebook Daniela Cicioni che è una chef vegana e crudista molto brava che fa anche i corsi, ma i suoi piatti li ho sempre visti solo in foto.
Sono in una fase in cui starei sempre in giro ad incontrare gente, imparare cose nuove, esplorare territori ignoti. Mi sembra tutto tremendamente affascinante. E voi in che fase siete? 😉


Ho disattivato i commenti ma se vi va scrivetemi! Ho il vizio di rispondere.
In e-mail o nella nuova pagina facebook.
Poi c’è la mia newsletter, la mando il 4 di ogni mese, ci si iscrive QUI e ci si disiscrive quando si vuole.

You Might Also Like

  • Sara
    13 ottobre 2015 at 20:05

    Sulla stessa linea d’onda ma, giassai!!!

    • stella
      13 ottobre 2015 at 20:24

      giassò 🙂
      sintonizzatissime!

  • Stella711
    15 ottobre 2015 at 4:44

    🙂 io sono in una fase… come dire, prima della partenza! Verso non si sa nemmeno dove, ma le cose che leggo qui mi incuriosiscono moltissimo! Intanto sono giorni e giorni che cerco la portulaca e non riesco a trovarla se non in pieno centro, ora un’altra bella sfida: la salvia selvatica! Voglio assolutamente trovarla! 😀

    • stella
      15 ottobre 2015 at 6:17

      è una bella fase, no? conosco il genere 😉
      la portulaca ha il vizio di crescere nei posti più impensati, in un buco nel marciapiede, tra le pietre, dove c’è poca terra lei spunta su e adesso è proprio il suo momento, la salvia invece forse la trovi più facilmente in primavera, ha i fiori blu, magari in primavera metto le foto

  • Tiziana
    15 ottobre 2015 at 8:05

    Mia fase? Ingarbugliata, come sempre. Difficile da definire. Sono in perenne viaggio, E ciò non è male. Grazie per le preziose informazioni. Baci. Tiziana

    • stella
      15 ottobre 2015 at 8:26

      grazie a te Tiziana, buona giornata, sono felice di vedere che non sono l’unica in perenne viaggio, baci

  • Marcella
    15 ottobre 2015 at 14:43

    E adesso… Caccia al cavolo!
    Devo sperimentare le chips…

    • stella
      15 ottobre 2015 at 15:41

      anche la verza va bene 😉

  • Marcella
    16 ottobre 2015 at 7:20

    Appena fa freddo e le verze diventano buone, provo.
    Ho dato un’occhiata al sito della chef: che belle cose fa!!!
    Non è che dà lezioni private? 😉
    E ho guardato anche il sito del ristorante raw milanese.
    Un sabato a pranzo ci vediamo a Milano? 😉

  • stella
    16 ottobre 2015 at 13:41

    si, fa i corsi, ne ha fatti mesi fa, a milano, credo di sabato o domenica monotematici, la tengo d’occhio, eh? 🙂
    per il mantra si, per me va bene il sabato a pranzo, fammi sapere quando puoi

  • Marcella
    18 ottobre 2015 at 7:10

    Sì, i corsi a Milano sabato e domenica vanno benissimo!
    Ok per un pranzo al mantra!

  • marzia
    24 ottobre 2015 at 18:51

    ciao stella
    come al solito tanti spunti interessanti
    stuzzicante il ristorante raw e bellissime le foto del post sulle castagne
    proverò sicuramente le chip di cavolo nero, io sono ferma ancora al pesto!!
    il tuo lavoro è molto particolare, capisco che tu abbia voglia di un lavoro dove puoi muoverti e vedere gente!!
    un saluto affettuoso
    marzia

    • stella
      24 ottobre 2015 at 20:08

      grazie marzia, sono felice che i miei interessi siano interessanti anche per qualcun’altro, dimmi poi se ti piacciono, le chips, ho provato a farle anche crudiste (in forno a 40 gradi) e vengono buonissime, solo ci si mette un po’ di più.
      baci buona serata

  • simoff
    17 novembre 2015 at 13:55

    amo viaggiare… con qualsiasi mezzo…viaggio tanto anche nelle illustrazioni e nei libri che sono una mia passione, viaggio in internet per incontrare tante belle persone come te dalle quali ho tanto da imparare.. la natura è una scoperta continua ..un viaggio che non finisce mai ed io ho la fortuna di averla proprio di fronte a casa…villa pamphilij… credo che non uscirò mai da questa fase…spero di entrare in quella invece più organizzata capace di mettere un po’ più a frutto quello che imparo…sarebbe l’ora! un abbraccio.

    • stella
      17 novembre 2015 at 15:02

      si, la natura è una scoperta continua e tu sei fortunata avere un parco davanti casa, una volta vengo a trovarti 🙂

  • Elena(Adina)
    18 novembre 2015 at 0:07

    Ciao Stella! Questa tua idea delle chips è geniale, mi piace un sacco. Mantra raw vegan a Milano ci sono stata sai? Mi è piaciuto moltissimo. Ho delle foto su Instagram, dei colori vivi e dei sapori decisi ma non invasivi. Buono!!

    • stella
      18 novembre 2015 at 8:01

      ciao! ma dai sei su instagram? come ti trovo? è una cucina fantastica, bella, salutare, pure senza glutine… a proposito lo sai che ho visto anna quella sera li? prima di andare al mantra, abbiamo chiacchierato un po’, sarebbe bello rivedersi, avrei tante cosa da dirti! 🙂