Pulizie naturali

Come si usa l’acido citrico

Come mi piace l’acido citrico per pulire! Voi lo usate?
È sgrassante e anticalcare. Conveniente e comodo.
Chi seguiva l’altro blog sa che preferisco non usare cose tossiche e inquinanti.
Per pulire uso ormai quasi esclusivamente acido citrico e lo spruzzino con l’alcool, stop.
Ma come si usa l’acido citrico?

La soluzione per tutti gli usi

Come sgrassatore e anticalcare per le superfici (sanitari, fornello, piastrelle, ecc…) uso una soluzione al 15%, cioè 150 ml di acido citrico in polvere sciolto in un litro di acqua.
Lo tengo in una bottiglia di plastica del detersivo riutilizzata e mi dura tantissimo. Non lascia aloni e si sciacqua in un secondo. Perfetto anche per i vetri della doccia, per il marmo, la ceramica, l’acciaio.
La stessa soluzione può essere usata come anticalcare e ammorbidente in lavatrice, basta riempire la vaschetta apposita.
Non ho la lavastoviglie ma anche come brillantante per lavastoviglie può essere usata la stessa soluzione al 15%.

Il detersivo per i piatti

Ho provato anni fa a fare il detersivo per i piatti con limone, sale e aceto che tutti conoscono ma non è comodissimo da fare (va cotto, frullato, setacciato), non sgrassa le cose unte e non è neppure economicissimo se come me i limoni li comprate bio anche se non li dovete mangiare.
Ultimamente ho provato a fare un detersivo per i piatti con l’acido citrico, l’aceto di mele e il detersivo per piatti. Può sembrare una contraddizione fare il detersivo per piatti con del detersivo per piatti (anche se ecologico), ma in realtà in questo modo se ne usa davvero molto meno e al tempo stesso lo si potenzia.
L’idea l’ho trovata da Stefania Rossini, un mito che ho conosciuto di persona a luglio perchè sono andata al suo corso di fermentati tailandesi. Mai prima m’era successo di rispecchiarmi in una persona in modo così limpido. Un paio di volte ha detto delle cose che avrei potuto dire io esattamente con le stesse parole e sono sicura anche con lo stesso stato d’animo.
(Mi son segnata anche di provare il suo detersivo per la lavatrice, se lo provo poi vi racconto.)
L’ho leggermente modificato e mi trovo benissimo, sgrassa bene, se ne usa poco e considerando che contiene parecchia acqua ha un costo davvero basso, usando il detersivo per piatti così som’è si rischia di sprecarne parecchio.
E’ perfetto anche per lavare le superfici se sono molto unte, il fornello per esempio. Va sciacquato.

  • 700 ml di acqua
  • 100 ml di acido citrico
  • 100 ml di detersivo per piatti ecologico
  • 20 ml di aceto di mele

Si mischia tutto e si tiene nel contenitore del detersivo, dura mesi. Si possono aggiungere alcune gocce di olio essenziale di limone.

Lo si può usare pure puro

In casi particolari lo si può usare puro, un po’ come si usava il vim una volta ma attenzione perchè è un acido, per esempio lo si può usare per il water, la sera lo si sparge con lo scopino, lo si lascia tutta notte e la mattina dopo si sciacqua.
Oppure lo si può usare per sgrassare delle stoviglie o pentole unte, puro in polvere sulla spugna. Su acciaio, ceramica, vetro, ghisa non dà problemi. Sempre puro lo si può aggiungere all’acqua per lavare i pavimenti, un cucchiaio in un secchio d’acqua dovrebbe bastare ma dipende dai pavimenti e fate prima una prova poi al limite aumentate la dose. È sbiancante e lo si può usare puro su una spugna anche per le fughe delle piastrelle.

Quanto costa e dove si compra l’acido citrico

Lo si trova ormai dappertutto: nei negozi bio e on-line. Non costa pochissimo ma un chilo dura davvero molto.
Io compro questo.

  • paolab
    4 settembre 2016 at 15:10

    stella, buon pomeriggio,
    sono alcuni mesi, dopo aver seguito le tue indicazioni, che utilizzo saponi naturali
    sapone di marsiglia, acido citrico, percarbonato ecc…
    ho, però, qualce problemino ad eliminare alcune macchie
    .. curcuma, pomodoro cotto e.. per mia sfortuna.. ho macchiato un vestito di seta (tre colori… panna – tortora – nero) con il vino rosso … 🙁
    hai qualche buona idea per aiutarmi?
    graziemille
    ciao
    paola

    • stella
      4 settembre 2016 at 18:07

      ciao paola, non saprei, non mi è mai capitato che mi rimanessero macchie di curcuma, pomodoro o vino rosso, le ho sempre eliminate con il normale lavaggio in lavatrice (uso detersivo ecologico, percarbonato e acido citrico come ammorbidente)

  • caterina
    29 novembre 2016 at 9:47

    ciao Stella, anche io da tempo utilizzo pochissime cose, volevo farti una domanda forse un po’ sciocca ma… faccio fatica ad usare i guanti di gomma, mi danno fastidio e penso al loro impatto ambientale come rifiuto e dunque la domanda è, potrò usare l’acido citrico a mani nude? cosa ne dici? tu come ti regoli? grazie

    • stella
      29 novembre 2016 at 14:18

      ciao caterina, non uso mai guanti di gomma o di altro tipo, l’acido citrico lo puoi maneggiare tranquillamente a mani nude, grazie a te

      • caterina
        29 novembre 2016 at 20:34

        grazie davvero!