cose da bere

Decotto di peduncoli di ciliegia

 

È tempo di ciliegie, adesso ci sono le ultime, le più buone.
Quest’anno ne ho mangiate davvero tante (sono andata a raccoglierle nelle aziende che permettono l’autoraccolta) e ho tenuto i peduncoli.
Sono tanti anni che li tengo, i piccioli, per fare la tisana o il decotto, anni fa tenevo anche i noccioli per fare i cuscini, ma mi sono stancata perchè ci vuole un sacco di tempo a lavarli. Nel vecchio blog c’è un post dove parlo dei cuscini di noccioli di ciliegia (che si possono comunque fare anche con semi di lino o riso integrale o altro).

I peduncoli delle ciliegie invece non costa niente tenerli, basta ricordarsene, si fa in un attimo anche a farli seccare e fanno molto bene, sono depurativi e diuretici.

Si fanno seccare in forno (a 40 gradi) o con l’essicatore o anche all’aria, perchè si seccano facilmente e abbastanza velocemente.

Si può fare sia la tisana che il decotto, io di solito faccio il decotto.
Cioè faccio bollire una manciata di peduncoli secchi per 5 minuti, poi spengo, lascio riposare una decina di minuti, filtro e bevo.
Se si fa la tisana si fa bollire l’acqua, si spegne, si lasciano i peduncoli in infusione per una decina di minuti, si filtra e si beve.
Tutto qui. Ma come mi piace usare gli scarti! 🙂

Questa e altre idee interessanti di autoproduzione con la frutta (anche cosmetiche oltre che mangerecce) le trovate nel libro che a giugno è abbinato alla rivista Cucina Naturale, si chiama “Frutta da scoprire”. L’ha scritto Claudia di GranoSalis che ho conosciuto ed è bravissima. Oltre che in edicola lo trovate su Macrolibrarsi, in Amazon o nel sito dell’editore, Tecniche Nuove.


Ho disattivato i commenti ma se vi va scrivetemi! Ho il vizio di rispondere.
In e-mail o nella nuova pagina facebook.
Poi c’è la mia newsletter, la mando il 4 di ogni mese, ci si iscrive QUI e ci si disiscrive quando si vuole. In regalo il mio e-book “Le mie 30 ricette preferite con le erbe spontanee”.

You Might Also Like