Milano

Fa la cosa giusta, la fiera del consumo critico a Milano

Sono stata a “Fa la cosa giusta”, erano anni che non ci andavo, credo almeno 5. È la fiera del consumo critico e degli stili di vita sostenibili. A Milano.
Ho comprato alcune cose, poche, da mangiare. Ho fatto un giro veloce.
Ci sono stand di cibo ma anche moda etica, cooperative sociali, associazioni, turismo e mobilità sostenibile, arredamento ecologico e bioarchitettura, cosmesi naturale e biologica, artigianato creativo…
Spazi riservati ai bambini, aree ristoro.
Conferenze, eventi, workshop, un sacco di cose.

Fa la cosa giusta 2017 a Milano

Fa la cosa giusta 2017 a Milano

 

Ho comprato la passata di pomodoro Sfruttazero, la passata con lo 0% di sfruttamento, fatta da persone libere e senza nient’altro che pomodoro, senza additivi, conservanti, sale. Iniziativa dell’associazione Diritti a sud di Nardò, che si batte per i diritti di chi lavora in agricoltura.

Sfruttazero, la passata di pomodoro senza sfruttamento

Ho comprato della farina di castagne della Maremma, della farina di ceci e della pasta di farro di un’azienda di Maranello, dello zafferano afgano, dello spezzatino vegetale tipo seitan ma con poco glutine e molte lenticchie che ho assaggiato ed era buono (non sono prodotti che amo mangiare spesso ma ogni tanto ci sta).

Poi ho comprato una tisana di foglie di bambù e una crema di germogli di bambù, di un’azienda bergamasca che coltiva bambù bio e lo lavora. Il germoglio di bambù è un alimento interessante, antibatterico, antitumorale, antivirale, antiossidante, con calcio, ferro, zinco, potassio, aminoacidi, vitamine, povero di grassi e di zuccheri.
Nel loro sito trovate informazioni e vendita on-line.

Bambubio, prodotti a base di bambù

C’erano anche le wonder bag! Le borse per la cottura passiva, tipo quella che mi sono fatta io, questa. Solo che si chiamano akunandzilo. Le vende un laboratorio sociosartoriale di Piombino, La Capulana.

Insomma un bel posto dove andare. Voi ci siete stati?


Ho disattivato i commenti ma mi potete contattare quando volete in e-mail.
E poi c’è la mia newsletter, la mando il 4 di ogni mese e racconto sempre qualcosa di me, oltre a ricordare i post che ho scritto, ci si iscrive QUI e ci si disiscrive quando si vuole.

You Might Also Like