Verdure

Fare i germogli in casa in modo semplice

Germogli di lenticchie fatti col sacchettino

Germogli di lenticchie fatti col sacchettino

 

Sono anni che faccio i germogli in casa, anche se non spesso perchè me ne dimentico per mesi, e conosco due metodi comodissimi per farli senza comprare aggeggi ingombranti e costosi.

I germogli, dal punto di vista nutrizionale, sono fantastici. Quando un qualunque seme germoglia si sta preparando a diventare una pianta, ha quindi una potenzialità enorme e le proprietà del seme vengono amplificate dalla germogliazione.
Si possono far germogliare tantissimi semi, piccoli e grandi, io che sono monotona faccio sempre germogliare le lenticchie e il crescione o l’alfa alfa. Le lenticchie sono quelle che uso anche per cucinare, bio, mentre i semini di crescione e alfa alfa si trovano nei negozi bio in scatoline di un’azienda tedesca, apposta per germogli.
I famosi germogli di soia che si trovano ovunque nei super (che io evito perchè non sono bio) sono in realtà germogli di fagiolo mungo, detto anche soia verde, potete anche provare a far germogliare quelli, o anche gli azuki, in passato ci ho provato e son venuti benissimo, quelli che non mi erano riusciti sono i ceci.
Oltre ai legumi si possono far germogliare tutti i tipi di semi, tranne quelli delle solanacee che sono tossici. Non è necessario comprare le bustine apposite da germogliare che di solito costano di più, i normali semi secchi che si mangiano e si usano in cucina si possono anche germogliare: girasole, zucca, grano saraceno, grano, farro, riso, fagioli… e si possono utilizzare i semi bio che vendono da seminare nell’orto (tranne le solanacee), per esempio tutti i tipi di cavoli.
Fondamentale che siano semi bio e che i cereali siano integrali.
I legumi si può anche cuocerli un minuto prima di mangiarli per renderli più digeribili, ma in generale i germogli si mangiano crudi. Io quelli di lenticchie li mangio crudi.
I fitati (antinutrienti) contenuti nei cereali e nei legumi vengono disattivati con la germogliazione.

Ma quali sono questi due metodi comodissimi?
Uno è il sacchettino e l’altro è il colino con la scodella.

Cose di cui avevo parlato anni fa nel vecchio blog.

I sacchettini si possono cucire facilmente (usando tessuto naturale), ma li vendono anche on-line. Per esempio qui e qui.
Sono comodi perchè non sono ingombranti e permettono in modo semplice di produrre grandi quantità di germogli senza ristagni d’acqua (si evita così la formazione delle muffe).
Il sacchettino secondo me non è adatto a semi molto piccoli. Ma perfetto per tutti gli altri semi.
Tenete conto che, come vedete nelle foto, il sacchettino si colora di marrone. Il mio, appena cucito, era perfettamente bianco. Non preoccupatevene e soprattutto non candeggiatelo. Non serve neppure il detersivo, dopo l’uso basta una sciacquata e un’asciugata al sole.
Come funziona? Si mettono i semi nel sacchettino e poi si mette il sacchettino in un recipiente pieno d’acqua, per esempio una brocca. Si lascia a mollo per una notte e il giorno dopo si sciacqua il sacchettino sotto il rubinetto, si appende il sacchettino sopra il lavandino e si lascia scolare. Tutto qui. Basta ricordarsi di bagnare il sacchettino mattina e sera, se fa molto caldo anche 3 volte al giorno, e in due o tre giorni ci saranno i germogli pronti da mangiare. Si può decidere di aspettare che ci sia la prima fogliolina oppure mangiarli prima, quando c’è solo un accenno di germoglio, come si preferisce.
Un avvertimento: non mettete troppi semi. Ne basta una manciata per ottenere il sacchettino pieno (circa l’equivalente di un vaso da 500 ml).

La germogliazione nel sacchetto di stoffa
I germogli di lenticchia fatti col sacchettino di stoffa

 

L’altro sistema è perfetto per i semini piccoli come lino, crescione, senape, alfa alfa. Si mette un colino in una scodella, si versano i semi nel colino, si riempie di acqua e si lascia a mollo un paio d’ore, coperto. Poi si sciacqua e si filtra, si lasciano cioè i semi nel colino nella scodella ma senza acqua fin quando si formano i germogli, basta ricordarsi di sciacquare e scolare un paio di volte al giorno. I semi faranno delle radici sotto il colino, che è importante non rimangano troppo bagnate, quindi è meglio che il colino rimanga più in alto rispetto al fondo della scodella, dove si ferma l’acqua.

Germogli di alfa alfa nel colino
Germogli di alfa alfa nel colino

 

Quando sono della lunghezza giusta, i germogli si conservano in frigo così si ferma la crescita. Durano tranquillamente una settimana se sono aciutti, si possono anche lasciare nel sacchettino e riporli così.
Si utilizzano ovunque, soprattutto nelle insalate, ma si possono anche aggiungere ai sughi, alle zuppe o ci si possono fare delle salsine tritandoli. Si possono fare fervida di semi germogliati.

Coltivare germogli permette di avere quantità notevoli di vitamine e minerali anche quando non si hanno a disposizione verdure fresche e lo si può fare sempre durante l’anno, è un vero e proprio orto in miniatura.
Io ho già messo nel sacchettino del riso nero integrale per nuovi germogli ed ho in programma di germogliare il fieno greco e il grano saraceno, e voi?
Voi li fate? Vi piacciono?


Ho disattivato i commenti ma se vi va scrivetemi! Ho il vizio di rispondere.
In e-mail o nella nuova pagina facebook.
Poi c’è la mia newsletter, la mando il 4 di ogni mese, ci si iscrive QUI e ci si disiscrive quando si vuole. In regalo il mio e-book “Le mie 30 ricette preferite con le erbe spontanee”.

You Might Also Like