Pane, crackers e altro

Farinata al profumo d’arancia

La farinata, ma quanto è buona?
Sono quelle cose semplici, vegan senza dirlo forte; le cose antiche, povere e sane della nostra tradizione.
Farinata in liguria e cecina in toscana. Di farina di ceci. Forse si potrebbe provare anche ad usare altri legumi ma la farinata è di ceci. Legume prezioso, usatissimo in tutta l’area mediterranea, ricco di qualità nutritive.

La farinata prima di essere infornata

L’ho fatta semplice. Con abbondante polvere d’arancia (la buccia d’arancia che faccio seccare io).
Di solito in primavera la faccio con gli asparagi, coi cipollotti o coi piselli freschi. La farinata coi piselli è stato uno degli ultimi post del vecchio blog.

La farinata appena sfornata

Con queste dosi ci vuole una teglia di ferro col diametro di 28 cm.
Non va usata carta forno. Essendo parecchio unta la si stacca facilmente con una paletta di legno, anche se una volta mi sono dimenticata di mettere l’olio e sono riuscita a staccarla lo stesso ed era perfino buona!
Va lasciata a riposare una notte o comunque parecchie ore, anche se io una volta l’ho fatta dopo solo mezz’ora di ammollo ed era buona lo stesso.
Secondo me va mangiata calda, subito.
Non la si può congelare, dicono che diventi spugnosa e immangiabile.
Tutto si basa sulla qualità della materia prima: olio extra vergine d’oliva buono, farina di ceci biologica artigianale, acqua non calcarea e priva di cloro.
Nel caso non si fosse notato, è senza glutine.

Farinata di ceci al profumo d'arancia

150 g di farina di ceci
300 ml di acqua
una presa di sale integrale (io ne metto poco)
abbondante polvere d’arancia

Si mischia la farina con l’acqua, per non fare grumi basta frullare un attimo con le fruste elettriche.
Poi si aggiunge il sale e la polvere d’arancia e si mischia. Si lascia a riposare parecchie ore come si è comodi (io l’ho messa a mollo la sera per cuocerla il giorno dopo a pranzo).
Si unge abbondantemente la teglia, si versa il composto (dopo aver dato una mescolata veloce) e si cuoce per 30-40 minuti a 150 gradi.


Ho disattivato i commenti ma mi potete contattare quando volete in e-mail.
E poi c’è la mia newsletter, la mando il 4 di ogni mese e racconto sempre qualcosa di me, oltre a ricordare i post che ho scritto, ci si iscrive QUI e ci si disiscrive quando si vuole.

You Might Also Like