Altre cose varie

Gomasio coi semi di lino

Il gomasio è un classico della macrobiotica.
Un condimento semplicissimo a base di semi di sesamo e sale.
Lo vendono già pronto in qualunque negozio di cibi naturali, ma lo si fa in casa in un attimo.
Farselo da soli ci permette anche di usare la quantità di sale che si preferisce.
In questo caso ho provato una variante, ho usato metà sesamo e metà semi di lino.

Gomasio con semi di lino e semi di sesamo

 

Il sesamo è un seme ricchissimo di proprietà nutritive, molto usato nella cucina del medioriente ma ormai usuale anche qui.
Sono quegli alimenti che se usati regolarmente ci aiutano tantissimo a integrare eventuali carenze e, a differenza degli integratori di sintesi, nelle giuste proporzioni e con la giusta sinergia tra diversi elementi nutritivi.

Il sesamo contiene ferro, calcio, fosforo, magnesio, zinco; contiene il 18% di proteine, in particolare metionina e triptofano, fondamentali per la salute di fegato e reni.
Contiene grassi sani, come tutti i semi oleosi, in particolare l’acido oleico che aiuta ad alzare il colesterolo buono e ad abbassare quello cattivo.
Contiene vitamine A, E, gruppo B e PP, acido folico e antiossidanti.
Uno di questi, il sesamolo, sembra che diventi cancerogeno ad alte temperature, per cui meglio non effettuare tostatura (motivo in più per farsi il gomasio da soli).

Fa bene alle ossa, al sistema nervoso, al sangue, alla crescita nei bambini, al sistema immunitario, alla digestione, alla regolazione del colesterolo, è leggermente lassativo, protegge dalle infezioni, dai radicali liberi e previene la caduta dei capelli. Vi ho convinto?


I semi di lino hanno, anche loro, un alto contenuto di minerali, proteine e di grassi buoni (omega 3 e 6 nella giusta proporzione).
Sono protettivi contro le infiammazioni, aiutano il transito intestinale contenendo mucillagini e aiutano ad aumentare il colesterolo buono.


Il gomasio lo si può usare per condire qualunque cosa al posto del sale, a crudo.
Insalate ma anche cereali, legumi, verdure cotte, pasta, minestre.

4 cucchiai di semi di sesamo bio
4 cucchiai di semi di lino bio
1 cucchiaino di sale fino integrale

Ho tritato tutti i semi nel macinacaffè e poi ho aggiunto il sale.

Lo si può conservare a lungo in un vasetto, essendoci i semi di lino che sono più deperibili del sesamo lo si può tenere in frigo. Se non ne usate molto fatene piccole quantità per volta.


Ho disattivato i commenti ma mi potete contattare quando volete in e-mail.
E poi c’è la mia newsletter, la mando il 4 di ogni mese e racconto sempre qualcosa di me, oltre a ricordare i post che ho scritto, ci si iscrive QUI e ci si disiscrive quando si vuole.

You Might Also Like