Lago d'Iseo

Montisola in inverno

Ieri ho fatto un giro a Montisola, ho preso il battello a Sulzano, sono andata a Peschiera, ho fatto un giro a piedi e son tornata.
C’era questo profumo di primavera, un caldo quasi eccessivo e l’acqua mi rilassa.

Sul battello andando a Peschiera a Montisola

Sono nervosa e incazzata. Ed è mio diritto esserlo.
Lo considero parte del normale processo di depurazione che il mio sistema immunitario, soprattutto il fegato, sta facendo per eliminare i veleni che mi sono stati dati in ospedale.
Per fortuna ho le mie risorse: il cibo, la medicina naturale quella che funziona, la grande convinzione che il nostro corpo, se lo lasci in pace, sa cosa fare.

Non si tratta di errore medico, nè di malasanità, nè di trascuratezza.
Ho fatto un piccolissimo banale intervento per eliminare meccanicamente una cosa che mi dava un paio di problemi pratici. Decisione non facile da prendere, ovviamente, per me che seguo un’altra medicina da anni.
Come spiegavo nella newsletter ho preso una parentesi dalle mie convinzioni, sono scesa ad un compromesso. Ingenuamente pensavo che l’anestesia sarebbe stata leggera e non avevo pensato che mi sarebbero stati dati dei farmaci oltre all’anestesia (perchè dare farmaci ad una persona perfettamente sana?).
Del resto in quella farsa che è il consenso informato non te lo dicono, che ti daranno dei farmaci, nè quali nè perchè. Pensano che non sia tuo diritto saperlo, pensano che il tuo corpo non ti appartenga.

Sono felice di averlo fatto, anche solo per la bellissima esperienza. Un ospedale bello e pulito, medici bravi, una grande sensazione di protezione, cura, efficienza e professionalità.
Ci tengo a precisarlo, perchè spesso ci lamentiamo della “malasanità” ma il problema, quello grosso, è che questa medicina è deleteria comunque, anche quando tutti fanno il loro lavoro benissimo, è proprio fondata su principi sbagliati.
Elimina sintomi pensando siano malattie, cura singoli organi senza considerare l’organismo nel suo complesso, non capisce la causa di niente, non cura niente (come puoi curare qualcosa di cui non sai la causa).

Lo penso da anni e purtroppo ne ho avuto la conferma sulla mia pelle.

Se non capite di cosa sto parlando leggete questo post, uno dei tanti che questa persona meravigliosa scrive ogni giorno, gratis, per aiutare le persone.
Articolo di cui condivido ogni singola parola.
Viene solo una rabbia immensa per tutta questa sofferenza inutile che un sistema corrotto e ignorante impone alle persone, da anni, una strage degli innocenti a cui forse è ora di ribellarsi.

Ma dicevo che sono andata a Montisola, che quando non c’è gente è bellissima. E vi lascio le foto.
Ci salveranno le cose semplici.

Da Peschiera a Sensole, Lago d'Iseo

Sulzano da Montisola

Gli agoni stesi a seccare al sole

La passeggiata tra gli ulivi andando a Sensole

Il castello di Montisola, Rocca Martinengo

Da Sensole tornando a Peschiera

Il blu del lago d'Iseo da Montisola

In lontananza la rocca e l'isola di San Paolo

Il lago d'Iseo

Peschiera Maraglio a Montisola


Ho disattivato i commenti ma mi potete contattare quando volete in e-mail.
E poi c’è la mia newsletter, la mando il 4 di ogni mese e racconto sempre qualcosa di me, oltre a ricordare i post che ho scritto, ci si iscrive QUI e ci si disiscrive quando si vuole.

You Might Also Like