COMUNICARE IN INTERNET

Perché il tuo sito non ti porta clienti

Perché il tuo sito non ti porta clienti

 

Come trovare clienti col sito web, perché il tuo sito non ti porta clienti e perché bisogna avere una strategia in internet: questo post parla di questo.

 

Hai fatto un sito web, hai speso dei soldi; è un bel sito, ci sono i contenuti giusti, le foto, i testi, l’hai messo nel tuo biglietto da visita, lo metti nelle e-mail in firma, e poi?
E poi niente. Lo vedono quelli che ti conoscono già, forse neppure loro, ti sembra di aver fatto un lavoro inutile, di avere buttato i soldi, allora hanno ragione quelli che dicono che un sito non serve?

No, non è colpa di internet, è solo che un sito non basta costruirlo, bisogna anche pubblicizzarlo ed è solo un tassello della strategia che una attività deve avere per farsi conoscere on-line.

COME DEVE ESSERE UN SITO WEB PER PORTARE CLIENTI

Un sito che ti porti clienti deve avere almeno uno di questi requisiti, ma sarebbe meglio tutti e tre (oltre ad avere contenuti di qualità):

  1. Essere presente nei motori di ricerca con le parole chiave che il tuo cliente ideale usa per cercare i tuoi prodotti o servizi, che significa che è stato fatto un lavoro di seo (search engine optimisation).
  2. Essere pubblicizzato con campagne di inserzioni costruite in modo professionale in Google e/o Facebook.
  3. Aver creato una relazione col tuo potenziale cliente tramite newsletter, lista WhatsApp e/o gruppo Facebook, relazione che durerà anche dopo l’acquisto.

Questa strategia avrà dei costi ma, se costruita su misura, ti porterà vendite e clienti che ti porteranno altri clienti.

Come funziona questa strategia?

  1. Prima di tutto devi avere i giusti prodotti o servizi che rispondano a un bisogno reale del tuo cliente, e questo era il primo lavoro da fare, studiare target e offerta, prima di fare il sito e prima di aprire l’attività.
  2. Poi devi comunicare al meglio quello che fai, con contenuti (testi e foto) di qualità, non solo nel sito, ma anche negli altri canali.
  3. E poi devi creare una strategia completa, un funnel.

FORSE SEMPLICEMENTE TI SERVE UN IMBUTO

Ho spiegato cosa è il funnel marketing o funnel di vendita (imbuto) in un altro post, ma ti anticipo che il funnel marketing è un percorso di vendita del quale il sito è solo un passaggio, uno degli strumenti.

Fare solo il sito poteva funzionare anni fa: si faceva un bel sito, lo si metteva nella propria comunicazione cartacea e si aveva la sensazione che fosse utile.
Ma adesso nel web c’è molta concorrenza e c’è sempre più bisogno di distinguersi per fermare l’attenzione del visitatore che poi da visitatore diventerà potenziale cliente, poi cliente e poi cliente abituale.
Questo è il funnel; il cliente potenziale lo dobbiamo conoscere e accompagnare per avere un business che cresce nel tempo e funziona.

Ma si può fare il funnel anche con poco budget, per una piccola azienda?

Si, il percorso dipende da che tipo di attività hai, può essere anche molto semplice e a costo basso, per un piccolo business locale, un negozio, un agriturismo, un bar, un ristorante.

Se hai un piccolo agriturismo che tiene al massimo dieci persone e lavora solo sabato e domenica, forse pubblicizzarti semplicemente con dei volantini in posti strategici e con un cartello sulla strada principale ti potrà bastare; metterai lì il tuo indirizzo web e le persone potranno avere nel sito maggiori informazioni.
Se troveranno nel sito informazioni complete e delle belle immagini ti contatteranno per prenotare, già pronte all’acquisto. Oppure offrirai nel sito la possibilità di iscriversi ad un servizio WhatsApp in cambio di un omaggio , per invogliarle a continuare a seguirti e non perdere il contatto, in un secondo tempo diventeranno clienti.
Questo probabilmente basterà, se hai una piccola attività.
La lista WhatsApp, più snella da gestire rispetto a una newsletter, ti servirà anche per mantenere i contatti con i tuoi clienti dopo l’acquisto e mandargli informazioni periodicamente per fidelizzarli.

Il sito, in questo percorso, ti fa da tramite, da agente, lavora per te informando e preparando il tuo cliente.

Se hai un’attività più grande la strategia potrà essere più complessa e studiata nei particolari, ma i 4 passaggi sono sempre gli stessi: visitatori, potenziali clienti, clienti, clienti abituali.
Che poi, se ci pensiamo, il funnel è sempre esistito: si passa davanti a uno stand, viene offerto un assaggio e una parte delle persone che passano si fermano, una parte di queste persone dopo aver assaggiato compra, una parte di questi clienti, magari perchè hanno lasciato i loro dati per una raccolta punti, diventeranno clienti abituali.

Scoprirai nei prossimi post cos’è il funnel marketing, come farsi trovare su Google, come creare una newsletter, come funziona Google Ads, come funziona Facebook Ads.

Pensavi che trovare clienti in internet fosse più semplice? Avevi mai sentito nominare il funnel marketing? Questo post ti è stato utile?

[ Photo by Paula May on Unsplash ]

 


 

Vuoi ricevere la mia newsletter mensile o iscriverti alla mia lista WhatsApp? ISCRIVITI QUI
Avrai un work-book in regalo: “le 9 domande fondamentali”, che ti sarà molto utile se vuoi avere un sito internet ma non sai da che parte cominciare, e riceverai informazioni, consigli, offerte riservate.

Hai bisogno di aiuto per il tuo sito web o blog? Comincia con la mia CONSULENZA ONLINE GRATUITA.

 


You Might Also Like